Oggi è martedì grasso, l’ultimo giorno dei sette più grassi e goderecci di questo carnevale 2012. E dal momento che da domani inizia Quaresima e dobbiamo voltare pagina, ne approfitterò per parlarvi (per l’ultima volta) del NOSTRO CARNEVALE (FOTO)GRAFICO.

Sulla scia di un progetto partito con il Presepe fotografico nel mese di dicembre, grazie alla collaborazione di un gruppo di amici e delle loro peculiari attitudini e attività, abbiamo colorato questo nevoso carnevale 2012 a San Miniato, con un pannello 6 metri per 3 che ritrae la nostra personale interpretazione dell’evento.

Ispirati dal famoso Pinocchio che ogni anno prende il volo alla conclusione del carnevale di San Miniato Basso, l’abbiamo intitolato “Pinocchio: un’avventura senza tempo”, perché il burattino più famoso del mondo (tradotto in più di 240 lingue), dal 1881 riesce magicamente a stregare grandi e piccini tracciando, in maniera buffa e a volte tragica, le strade percorribili nella vita, a seconda che uno alla fine voglia restare di legno o farsi di ciccia vera.
Il nostro 6×3 si trova a San Miniato Alto, sotto i chiostri che collegano il vecchio frantoio a Piazza San Domenico.
L’idea è del Bucciano FotoDiarioFestival nella persona di Aurelio Cupelli, che si è occupato magistralmente dell’organizzazione della location, di reperire gli animali e portarli a destinazione, e di tutto il coordinamento.
La foto è del bravissimo Francesco Sgherri che, fra un matrimonio e qualche altro servizio “serio”, si è divertito con noi a realizzare questo fantastico progetto.
La grafica è mia, di UnaGrafica, nella persona di me stessa, Irene Campinoti, orgogliosa di partecipare a tutto questo e fare qualcosa che, in qualche modo, aiuti a rivalutare la mia città, San Miniato.
La stampa è di Neoprint, una giovane e intraprendente azienda di Santa Croce sull’Arno.

Inoltre, per la riuscita della foto, ringrazio i modelli:
Agnese Cupelli che ha interpretato la fatina in groppa alla meravigliosa ventenne Doly, Elia Sgherri che per tutto il tempo ha assecondato la ciuchina Teresina nelle vesti di Lucignolo, Enea Sgherri, Viola Frangini e Margherita Frangini che hanno interpretato loro stessi in un gioco un po’ datato (il camioncino di legno) ma pur sempre apprezzato, i paperi Rosa e Valerio (quest’ultimo protagonista di una rocambolesca fuga nel bosco) e Pinocchio (una riproduzione fatta dal comitato del carnevale di San Miniato basso, che ha volato nel lontano 1998).
Ringrazio anche Fabio Frangini che ha scattato alcune foto di back-stage, ma, soprattutto, è riuscito a immortalare l’istante in cui Valerio ha deciso di fuggire.

Da domani il carnevale è finito, ma in cantiere abbiamo già un nuovo interessantissimo progetto.
Il posto è sempre quello (per chi passa da San Miniato Alto) oppure sul web. Seguiteci!